Categorie
Articoli

Monte Paschi di Siena futuro incerto

Conviene comprare azioni Monte Paschi di Siena oggi?

Nonostante l’ingresso dello Stato nel capitale del Monte Paschi di Siena le azioni della banca senese viaggiano ai minimi storici. A questo punto cosa deve fare chi è rimasto incastrato con le azioni. Chi non ha investito sul titolo è arrivato il momento di acquistare ?

Facciamo un breve riassunto di quello che accaduto negli anni e perchè lo Stato è diventato azionista di MPS. Il primo azionisti della banca sense è il Tesor. come è possibile che lo sTato è diventato azionista di una banca privata?

Il Tesoro è stato costretto a intervenire perché MPS non trovava capitali privati per effettuare un aumento di capitale, ed evitare il fallimento della terza banca del paese.
L’ingresso del Tesoro è stato possibile nonostante il bail-in le nuove regole che evitano che i costi del fallimento di una banca ricadono sullo Stato, quindi sui contribuenti.

Ma per dare il via alla ricapitalizzazione precauzionale con denaro pubblico la Bce e Bruxelles hanno imposto delle condizioni la prima che la banca non sia in risoluzione, conversione delle obbligazioni subordinate in azioni, e la cessione degli NPL, crediti deteriorati, in pancia ad MPS, che sono circa 26 miliardi di euro.

Monte Paschi di Siena il 2018 si chiude in positivo.

Il 2018 per MPS si è chiuso in positivo per 279 milioni di euro, dopo la perdita di 3,5 miliardi di euro del 2017 è un buon dato. Anche se i ricavi sono calati del 18% rispetto al 2017. altro aspetto negativo, a fine 2018 l’utile netto è nuovamente andato in negativo. anche se il CET 1 è salito al 13,7%, e il Texas Ratio è del 15,2%. Paramatri superiori a quelli richiesti dalla BCE. Ma attenzione che a causa del risultato negativo nell’ultima parte del 2018, e il rallentamento economico in atto in Italia nel 2019 i conti per MPS nel coso del 2019 potrebbero essere nuovamente negativi.

I nuovi problemi di MPS

Entro il 2021 lo Stato deve liquidare la posizione in Monte Paschi di Siena, non è chiaro come lo farà. Sarebbe positivo se MPS riuscisse ad aggregarsi con qualche altro Istituto bancario. Un altro problema è che entro il 2026 MPS deve azzerare i crediti deteriorati. Attenzione anche alla situazione che si è venuta a creare su Carige e la Popolare di Bari che hanno bisogno di ricapitalizzarsi e non trovano nè soldi, nè nuovi soci disposti a investire.