Categorie
Articoli

Facebook tra perdita di fiducia e nuove opportunità per aumentare i ricavi

E’ arrivato il momento di comprare azioni Facebook? Prima di investire, oltre al tempo, anche i nostri denari su Facebook dobbiamo cercare di capire su cosa stiamo investendo, e se Facebook in futuro riuscirà a generare utili in grado di giustificare il suo valore. Ma prima facciamo un passo indietro e andiamo all’anno 2018. A metà 2018 le azioni Facebook hanno subito un forte calo perchè il social network, prima delle elezioni politiche Usa del 2016, avrebbe ceduto ha una società i dati di 50milioni di utenti a loro insaputa. Questa società ha utilizzato i dati per la campagna politica di Trump, e pare siano riusciti a influenzare il voto. Tutti noi sappiamo che quando usiamo Facebook i nostri dati, le nostre preferenze, quando clicchiamo su mi piace, quando pubblichiamo un commento, un post, una foto, insomma, tutto quello che facciamo nel social network viene archiviato ed elaborato da Facebook per fornirci pubblicità e notizie mirate sui nostri interessi. Ma nessuno poteva immaginare che questi dati venissero utilizzati per influenzare il voto elettorale. Questa violazione della privacy è un fatto molto grave, oltre al danno di immagine Facebook rischia forti sanzioni economiche in tutto il mondo. Gli inserzionisti potrebbero ridurre i loro investimenti in pubblicità sul social  Mark Zuckerberg. Come sappiamo Facebook vive delle entrate pubblicitarie. Anche i nostri dati valgono oro, ma attualmente il 90% delle entrate di Facebook arrivano dalla pubblicità. Inoltre Facebook è proprietaria anche di Istagram e Whatsapp. Questa volta le scuse di rito e nuovi strumenti che Facebook dovrebbe introdurre per tutelare la privacy dei propri utenti potrebbero non bastare. Facebook annunciato che consentirà di rendere chiari e visibili in una sola area gli strumenti per controllare la privacy, attiverà l’opzione di cancellare definitivamente i post passati, e permetterà di velocizzare il processo di download della propria storia sul social network. E si attendono altre novità.

1 # motivo per non acquistare azioni Facebook.

Oltre agli scandali del 2016 di recente si è saputo che Facebook avrebbe violato la privacy degli adolescenti. Tra poco anche negli Usa dovrebbe partire un’inchiesta sulla violazione di privacy

2# Gli utenti si connettono di meno

Gli utenti passano sempre meno tempo su Facebook, forse perchè stanchi o perchè si sentono spiati, nel mondo gli utenti hanno ridotto le ore di collegamento a Facebook.

3# Le entrate pubblicitarie non decollano.

La raccolta pubblicitaria di Facebook è alta solo che google e Amazon raccolgono più denari. inoltre chi fa pubblicità su Google e Amazon riesce a convertire meglio. In teoria rende meno la pubblicità su Facebook.

4# Cambio di regole da parte dei governi.

Dopo gli scandali sulla privacy diversi governi stanno cercando di regolamentare il settore. per anni social network e motori di ricerca hanno punto operare indisturbati. Accumulando dati degli utenti e pagando poco in tasse. Forse tutto questo sta per finire.

5# Fiducia su Mark Zuckerberg ai minimi.

Utenti e investitori si fidano sempre meno del fondatore di Facebook questo è un brutto segnali.Fortunatamente per Mark Zuckerberg Facebook non è solo un social network è molto di più. Tra poco utilizzerà anche i pagamenti digitali, e potrebbero decollare le offerte a pagamento.

6# Nel 2020 Facebook rilascerà la sua criptovaluta.

Nel 2020 gli utenti Facebook potrebbero utilizzare la criptovaluta realizzata in collaborazione conla Libra Association, organizzazione indipendente e non-profit con sede a Ginevra. Si chiamerà Libra, vedremo se sarà in grado di competere con i bitcoin.

Come comprare azioni Facebook.

Le azioni Facebook sono scambiate a Wall Street, oltre all’andamento delle azioni devi fare attenzione al cambio euro contro dollaro. Puoi acquistare anche azioni Facebook a Piazza Affari, fanno parte dell’indice realizzato da Borsa Italiana Global Equity Market. Qualche dato di bilancio su Facebook. Il suo p/e è 24,71, un po’ caro. Ricavi ultimi dodici mesi 40miliardi di dollari.Non stacca dividendi.